Personal branding fatto bene

Personal branding fatto bene

Occuparsi del proprio personal branding non vuol dire fare un esercizio di vanità. Significa promuovere se stessi, in particolare le proprie competenze ma anche le proprie caratteristiche e che, come è ovvio che sia, possono essere utili a qualcun altro per superare un ostacolo e risolvere un problema.

Il personal branding fatto bene parte da un’analisi di noi stessi. Cosa sappiamo fare e come queste nostre competenze possono avere un senso per gli altri. Terzo, non da ultimo, come tutto questo possa permetterci di guadagnare e vivere. I giapponesi chiamano Ikigai quel punto di incontro tra ciò che siamo in grado di fare, la nostra passione e ciò che serve agli altri. Già, perché è un elemento essenziale che la nostra passione sia funzionale alle esigenze di qualcun altro altrimenti non serve allo scopo (nostro) di farne un’attività. Conosci benissimo le tue passioni ma forse non sai se possono, o meno, diventare un lavoro. Fare personal branding per bene, per me, è partire dagli interlocutori. Solo creando una community hai la possibilità di crescere insieme alle loro aspettative.

Ma cosa vuol dire davvero personal branding?

Non confonderlo con selfie e autopromozione senza una ragione chiara. Non vuol dire lodarsi da soli. Si sostanzia in una promozione efficace e mirata sui tuoi punti di forza. Ad esempio, nell’ambito legale un’attività di personal branding sarà fatta correttamente se verranno messe in luce le capacità dell’avvocato. Parliamo anche di specializzazione e di casi concreti. Dallo storytelling oggi si parla di storydoing, quindi bisogna mostrare ciò che facciamo. Anche perché lo facciamo. Basta slogan fini a se stessi. Basta pubblicità che non convince, di “leader del mercato” ne abbiamo fin troppi (anche se solo nei loro spot).

Fare personal branding per bene è autenticità, è mantenere le promesse.

Nei confronti degli utenti, innanzitutto. Se sei un architetto o un ingegnere e prometti la consegna di un appartamento in un determinato periodo e con determinate caratteristiche, mantieni la promessa. Fallo davvero. Non c’è miglior promozione che la nostra reputazione e fai attenzione, ci vogliono anni per costruirla ma basta poco per perderla.

Contattami per una chiacchierata sul tuo personal branding

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Previous post Personal branding: come scegliere le foto
Next post Personal branding: perché aprire un canale Telegram